Quando il 'vegan' si impara a scuola... per vincere | Silvia Allegri
40861
post-template-default,single,single-post,postid-40861,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Quando il ‘vegan’ si impara a scuola… per vincere

Quando il ‘vegan’ si impara a scuola… per vincere

Mi è successo giorni fa, mentre ero in un istituto alberghiero della provincia di Verona, di imbattermi in un’insegnante che si stava dirigendo in classe con tre libri di ricette vegane e cruelty-free sotto braccio. Una chiacchierata insieme a lei mi ha fatto scoprire come tre classi di quella scuola fossero al momento impegnate nell’invenzione di nuove ricette per partecipare a un concorso. A diffondere la notizia, un allievo vegano da alcuni anni, che si scontra ogni giorno con pregiudizi da parte dei compagni, ma nota anche, mi racconta la sua insegnante, una curiosità crescente verso questo mondo che nell’immaginario collettivo è fatto di piatti sani ma senza gusto, privi di nutrimento. Le cose, dimostra il giovane studente, non stanno così, e la sua classe ha iniziato un vero e proprio viaggio nella cucina dove i prodotti di origine animale sono esclusi totalmente.
Si tratta di una bellissima iniziativa della Lav: un concorso per le scuole dedicato alle ricette tutte prive di alimenti animali. In questo modo i ragazzi potranno scoprire come valorizzare i prodotti di stagione, per regalare al palato nuovi originali sapori, e per  contribuire concretamente alla (ri)nascita di un Pianeta giusto e accogliente per tutti. A fare da giudice, insieme ai rappresentanti della Lav, anche lo chef Martino Beria, autore di “Vegano Gourmand”, una guida ai sapori e ai piatti vegani, dove si impara anche l’arte del riciclo e la lotta allo spreco.
Il Vegan Chef Contest organizzato da Lav è rivolto ai ragazzi delle scuole professionali alberghiere, e c’è tempo fino al 15 marzo per iscriversi e partecipare: il cambiamento parte, come spesso accade, proprio dai banchi di scuola!

Commenti