Animali selvatici Archives | Pagina 3 di 6 | Silvia Allegri
5
archive,paged,category,category-animali-selvatici,category-5,paged-3,category-paged-3,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Animali selvatici

Animalisti, l’unione… farebbe la forza per un vero cambiamento

Siamo sempre di più, a non voler più vedere questo orrore. A darci da fare perché gli animali vengano rispettati e non torturati. In questi anni la mia idea di animalismo si è evoluta. Grazie soprattutto a molte esperienze dirette in diversi ambienti.

La mia curiosità e il lavoro mi hanno portato a frequentare animalisti convinti, vegani intransigenti, carnivori inguaribili, persone pacate e aggressive, convinte e indecise. Soprattutto ho preso atto dell’esistenza di innumerevoli realtà che si concentrano su un obiettivo comune: migliorare la vita degli animali e salvarne il più possibile. Chi si occupa di cani, chi di cavalli, chi di animali da pelliccia, chi di allevamenti intensivi, chi di sperimentazione. Spesso però si agisce senza coesione, e questo penalizza il fine ultimo.

Mi avvilisce sentire che vengono organizzati eventi importanti per sensibilizzare su questi temi così dolorosi, ma poi subentrano rivalità, sospetti, pregiudizi. E va a finire che certe iniziative splendide vengono quasi ignorate perché non si ha la stessa tessera o non si lavora allo stesso modo.

Ci sono contesti, invece, dove una presa di posizione TRASVERSALE sarebbe una manna dal cielo: in tanti si fa numero, si scuote l’opinione pubblica.

Ecco perché, pur avendo 5 tessere (di più non riesco per motivi economici) partecipo anche agli eventi di associazioni di cui non sono socia, ma che hanno un obiettivo in linea col mio sentire. E così dovremmo fare tutti, secondo me: solo così si raggiunge la forza per farci vedere davvero, per sfatare tutti quei miti cretini che catalogano noi amanti degli animali come fanatici tristi e aggressivi.

Un po’ di elasticità mentale, l’apertura alle altre iniziative, un po’ del proprio tempo dedicato al confronto con altri attivisti, volontari, appassionati, farebbe crescere questo movimento.

Non facciamo come certi politici… che di fronte al buon senso preferiscono la fedeltà alla bandiera..

L’ironia diventa un aiuto ‘bestiale’

L’ironia è forse uno degli strumenti più efficaci per dare il via a un vero cambiamento nella mentalità delle persone. Si possono affrontare temi scottanti, delicati, tristi portando a una riflessione serena, col sorriso sulle labbra. Che non fa mai male. E così la vita diventa più leggera mentre aumenta la consapevolezza.

Mi è capitato di nuovo tra le mani il divertentissimo libro di Fausto Brizzi, ‘Ho sposato una vegana. Una storia vera, purtroppo‘. E sfogliarlo di nuovo mi fa sorridere, in certi punti anche ridere. Comprato alcuni mesi fa e divorato in un pomeriggio, mi ha permesso di ripercorrere tanti episodi della mia vita di animalista: un parolone, questo, rivestito sempre di una patina negativa. Animalista significa fanatica significa noiosa significa integralista significa che… “se la porto fuori a cena cosa mangia, una terrina di lattuga col tufo scondito?”. Eppure la mia silhouette dovrebbe rassicurare i cavalieri…

La storia, tutta autobiografica, racconta le stravaganze di una donna animalista, salutista, ambientalista, e chi più ne ha più ne metta. Stravaganze agli occhi di chi non si è mai interrogato su cosa si nasconda dietro la carne confezionata in banco frigo, i medicinali, certi cibi industriali, i colli di pelliccia delle giacche. Una di quelle donne che potrebbero essere definite tranquillamente delle grandissime rompiscatole, se non fosse per la sua bellezza, il suo fascino, la sua sensibilità. Lui, fanatico di bistecche e grigliate di carne, se ne innamora.. ed è costretto a dare il via a un cambiamento nelle proprie abitudini, per arrivare a conquistarla e a conviverci. ‘Le tragicomiche avventure di un onnivoro perdutamente innamorato di una donna con abitudini alimentari che pensava destinate solo ai ruminanti’: così viene riassunto questo diario nel retrocopertina. E proprio lui, che inizialmente va a strafogarsi di carne quando lei è lontana, che arriva a commuoversi davanti alle confezioni di spiedini al supermercato, finirà col rivoluzionare completamente anche la propria dispensa, i propri ritmi, i propri metodi di cura (abbandonando farmaci e trangugiando aglio, zenzero, limone..).

Il libro è poco impegnativo nella forma ma denso di contenuti.. Mi sono tornati alla mente quegli amici che si sentono quasi in colpa se davanti a me addentano una fiorentina, che partono a raccontare le ragioni del loro essere onnivori e quindi un po’ carnivori, con l’aggressività di chi, sotto sotto, sa che di certa carne può proprio fare a meno, che mi guardano di sottecchi mentre al ristorante salto la parte di menù dedicata ai cibi che contengono animali.. Credo anch’io nella forza del sorriso, e sono certa che chi ha fatto una scelta come la mia possa davvero illustrare i lati oscuri del consumo di carne… senza litigare, senza intolleranze. Facendo ragionare sul fatto che il maiale, il pollo, il manzo hanno un’anima, esattamente come il cane e il gatto che vivono nelle nostre case. Poi, a ognuno i conti con la propria coscienza.

Piccoli passi per cambiare vita.. e salvarne tante altre

Tante volte mi è stato chiesto perché ho deciso di cambiare modo di alimentarmi e perché cerco di fare del mio meglio per aprire gli occhi di chi mi sta attorno. Cambiare non è facile: implica spirito di sacrificio, un investimento di tempo, e poi siamo così abituati allo sfruttamento degli animali che ci sembra non esistano altre soluzioni.

La mia scelta  è stata dettata da un semplice ragionamento: se sono così innamorata dei miei animali, perché convinta che provino sentimenti e siano in grado di comunicare amore e emozioni, perché dovrei classificare gli animali suddividendoli tra serie A (quelli che amo) e serie B (quelli che uso per mangiare, vestire, divertirmi)?

Ho deciso di annullare le classifiche, e avere con tutti loro un rapporto alla pari.

Ecco allora qualche riflessione sul mio percorso, in salita spesso e tuttora non facile. Magari potrà tornare utile per chi avesse intenzione di cambiare davvero il modo di ‘vivere’ gli animali, in nome del rispetto e dell’empatia.

 

#informarsi

 

Interessarsi di ambiente, animali, ma anche economia, agricoltura. In altre parole, tenersi informati. Per cambiare le cose bisogna conoscerle. Senza una conoscenza approfondita e senza un reale amore per il nostro pianeta non si trovano stimoli per cambiare. Se invece riteniamo che l’ambiente abbia un valore per noi, iniziamo a guardarci intorno, a scoprire quali forme di vita esistono, e dove, e come.

 

#guardare

 

Guardare e capire, con coraggio. Questo secondo passaggio richiede consapevolezza. A nessuno piace guardare in faccia il dolore, e le persone sensibili sono inevitabilmente condannate a soffrire. Ma sono fermamente convinta che solo DOPO aver visto si possa cambiare veramente. Le immagini ci restano impresse e ci danno la forza di non dimenticare.

 

#raccontare

 

Lo sfruttamento degli animali lascia disarmati. Le immagini che per fortuna possiamo guardare grazie al coraggio e alle fatiche delle associazioni denunciano condizioni insostenibili e fuori da ogni concerto di empatia. Animali amputati, torturati, imprigionati, sezionati, picchiati, costretti a vivere in gabbie misere, affondati nei loro escrementi. Questi animali vivono così per colpa nostra: la perversione umana ha inventato gli allevamenti intensivi, gli allevamenti di animali da pelliccia, i laboratori dove vengono condotti esperimenti inutili senza la minima attenzione alla sofferenza di un altro essere vivente.

L’impatto con queste immagini è potente e potrebbe sconvolgere chiunque. Si soffrirà, inevitabilmente. Ma è importante reagire, sapendo che SOLO CHI HA VISTO E HA LA FORZA DI RACCONTARE PUÒ DAVVERO FARE QUALCOSA PER GLI ANIMALI. Loro non hanno voce, siamo noi la loro voce. Per questo dobbiamo resistere. Io stessa ho vissuto momenti di grande sconforti, quasi ammalandomi dal dispiacere. Ma poi ho capito che non posso tenere sulle mie spalle il peso di un intero pianeta, e non posso nemmeno fare miracoli. Dunque la cosa più importante è un piccolo impegno quotidiano: fare ogni giorno qualcosa per questa è creature che non si possono difendere.

#tollerare e #avere pazienza

 

Raccontare a un amico cosa si è visto, ragionare e convincere una persona a informarsi, ma SEMPRE con le buone maniere. La brutalità e il fanatismo fanno fuggire e si ottiene esattamente il contrario di ciò che ci siamo prefissati. Diamo agli altri il tempo di conoscere, rielaborare, e con pazienza offriamo consigli.

 

#eliminare carne e pesce e #integrare

 

E adesso? Adesso si comincia! Il primo passaggio, per quanto mi riguarda, è stato l’ELIMINAZIONE TOTALE DI CARNE E DI PESCE. In sostanza, ho deciso di non ingerire più animali morti. Il nostro corpo dovrà abituarsi al cambiamento e soprattutto sarà utile cercare il modo di integrare con altri cibi, per non avere carenze di sostanze importanti.

 

#eliminare poco per volta i derivati animali

 

Il secondo passaggio, più difficile riguarda i prodotti derivati da animali: latticini, uova, i più diffusi. Non credo sia giusto pretendere che una persona diventi vegana dall’oggi al domani, in altre parole non considero un criminale chi non è vegano. Io ho iniziato a informarmi sulla provenienza delle cose che mangio. Nei limiti del possibile ovviamente. Consiglio sempre di rivolgersi dove si sa che vi è un’attenzione al benessere animale.

 

#nuove ricette

 

Esistono miriadi di ricette, facilmente reperibili nei libri, su internet, nelle riviste, per passaparola. I miei primi esperimenti sono stati dei disastri: ricordo dei biscotti così improponibili che ancora sorrido, a pensarci. Ma sbagliando si impara: e quando le ricette vengono bene, che soddisfazione! Si scopriranno così molti modi per sostituire ingredienti di origine animale con altri, altrettanto gustosi, e che non sono frutto di sfruttamento.

 

#cucinare e far assaggiare i nuovi piatti

 

Organizzare una cena veg: a me è capitato di invitare a cena persone assolutamente carnivore e scettiche, e di averle sorprese con piatti gustosi e cruelty free. Che soddisfazione! La serata diventa occasione di raccontare del nostro cambiamento, e dimostrare come non sia stato poi così difficile.

 

#NonMollare

 

Non perdere mai la voglia di capire a fondo e di far ragionare le persone, sopportando magari a volte qualche presa in giro, e ribattendo con un’arma infallibile: l’ironia. Tutti i cambiamenti vengono presi di mira da chi non ha voglia di cambiare: bene, sfruttiamo il fatto che se ne parli, che ci si rida su. Ma intanto si insinua nelle persone un nuovo pensiero, la curiosità di capire il perché di certe decisioni.

 

#convincere, con gentilezza

 

Non demordere: non sentirsi degli assassini se si capita nella casa di una persona che non è vegetariana o vegana e ci ha preparato qualcosa con ingredienti animali. Cercare invece di mangiare ciò che si può o si vuole, spiegando con gentilezza le nostre scelte, risulta più efficace.

 

#selezionare

 

Il consiglio più importante che mi sento di dare: CIRCONDARSI DI PERSONE DELICATE E SENSIBILI, che pur non condividendo necessariamente le nostre scelte ci rispettano. Non ci prendono in giro. Si incuriosiscono delle nostre motivazioni. Apprezzano il nostro sforzo.

Buona fortuna a tutti, e coraggio: dopo i primi momenti di difficoltà sarà una gratificazione enorme cambiare il proprio stile di vita e amare gli animali senza distinzioni!

Apre la nuova sede Oipa a Verona

Che mondo sarebbe senza persone sensibili, attente ai bisogni di chi non sa difendersi, e piene di voglia di agire, oltre che di parlare?

Ogni volta che prende il via un’iniziativa che vede il coinvolgimento delle persone nella tutela degli animali e dell’ambiente non posso che essere contenta. E dunque ho avuto il piacere di condividere un nuovo importante traguardo per i 15 volontari che ormai da 5 anni operano come guardie zoofile sul territorio di Verona: da qualche settimana Oipa ha una sede tutta sua, in piazza Brodolini 3. Questa Ong, nata in Svizzera nel 1981 e presente in tutto il mondo, conta in Italia ben 60 sedi in 17 regioni e 500 guardie, e ha come obiettivo la tutela dell’ambiente, l’abolizione della vivisezione e la difesa degli animali da qualsiasi forma di maltrattamento e abuso, dalle corride al randagismo, dal traffico illegale di animali agli allevamenti intensivi.

Avere una sede per le associazioni è fondamentale: in questo modo i volontari possono lavorare meglio e al tempo stesso diventare un punto di riferimento più forte per tutti i cittadini che vorranno contattarli e diventare a loro volta attivi, oppure segnalare eventuali casi di maltrattamento, .

Nella provincia di Verona, nel corso del 2015, Oipa con i suoi volontari ha coordinato il sequestro di 20 animali e di una struttura abusiva di allevamento di cani; ha operato diversi controlli in coordinamento con Polstrada, denunciando le irregolarità nel trasporto di animali vivi su autotrasporti e la vergognosa crudeltà con cui queste povere bestie vengono trattate; ha combattuto randagismo e accattonaggio con animali attraverso controlli e uscite su segnalazione. E ha dedicato una particolare attenzione anche all’ambiente, visto che insieme alla Polizia Locale e al personale Amia i volontari hanno pulito le rive dell’Adige vicino a Ponte Catena.

Come sempre la sensibilità non si divide per settori, e la cura per gli animali e il loro benessere porta anche, di conseguenza, a valorizzare gli ecosistemi, a proteggere l’ambiente, e a promuovere attività di sensibilizzazione.

Nel giorno dell’inaugurazione ho conosciuto persone davvero speciali: che hanno giornate dense di impegni e di lavoro, ma dedicano sempre un po’ del loro tempo a chi è senza voce. Combattere per i diritti degli animali significa avere a cuore il benessere di tutti e sognare un mondo giusto, dove ci sia più attenzione alle esigenze e alla qualità della vita di ogni creatura.

E dunque ecco un altro tassello, che si aggiunge alle numerose altre iniziative di tutela degli animali: le associazioni che operano sul territorio sono tante, e tutte si battono per una causa comune. Buon lavoro, allora, alle guardie e ai nuovi volontari!

Per contattare le guardie zoofile Oipa si può scrivere a [email protected].

 

Quando il ‘vegan’ si impara a scuola… per vincere

Mi è successo giorni fa, mentre ero in un istituto alberghiero della provincia di Verona, di imbattermi in un’insegnante che si stava dirigendo in classe con tre libri di ricette vegane e cruelty-free sotto braccio. Una chiacchierata insieme a lei mi ha fatto scoprire come tre classi di quella scuola fossero al momento impegnate nell’invenzione di nuove ricette per partecipare a un concorso. A diffondere la notizia, un allievo vegano da alcuni anni, che si scontra ogni giorno con pregiudizi da parte dei compagni, ma nota anche, mi racconta la sua insegnante, una curiosità crescente verso questo mondo che nell’immaginario collettivo è fatto di piatti sani ma senza gusto, privi di nutrimento. Le cose, dimostra il giovane studente, non stanno così, e la sua classe ha iniziato un vero e proprio viaggio nella cucina dove i prodotti di origine animale sono esclusi totalmente.
Si tratta di una bellissima iniziativa della Lav: un concorso per le scuole dedicato alle ricette tutte prive di alimenti animali. In questo modo i ragazzi potranno scoprire come valorizzare i prodotti di stagione, per regalare al palato nuovi originali sapori, e per  contribuire concretamente alla (ri)nascita di un Pianeta giusto e accogliente per tutti. A fare da giudice, insieme ai rappresentanti della Lav, anche lo chef Martino Beria, autore di “Vegano Gourmand”, una guida ai sapori e ai piatti vegani, dove si impara anche l’arte del riciclo e la lotta allo spreco.
Il Vegan Chef Contest organizzato da Lav è rivolto ai ragazzi delle scuole professionali alberghiere, e c’è tempo fino al 15 marzo per iscriversi e partecipare: il cambiamento parte, come spesso accade, proprio dai banchi di scuola!

Anche gli animali hanno i loro angeli

Non ci si abitua mai al dolore, specialmente quando a subirlo sono le creature più indifese, quelle che per l’economia e il commercio rappresentano solo numeri. Che non hanno anima, pur essendo ‘animali’.
La risposta più banale e inflazionata è: “ti interessi più degli animali che delle persone?” Al secondo posto della classifica delle battute scontate c’è: “con tutti i problemi che ci sono nel mondo, ci vuole coraggio a crucciarsi per l’astice o il pulcino”.
E così, alzando le spalle, guardando avanti, ma non guardando mai ‘cose’ che possono infastidire, la gente compra giacche con inserti di pelo di cane e gatto, mangia conigli che hanno trascorso la loro misera vita in gabbie strette, tra parassiti e sofferenza, indossa cadaveri di visoni tenuti al freddo per avere un manto più folto e scuoiati vivi, consuma carne e uova di allevamenti dove le galline sono imbottite di ormoni e hanno il becco mozzato, e dove i pulcini maschi vengono tritati vivi perché inutili.

Ma esistono anche degli angeli umani, quegli angeli che ci danno la speranza che la nostra razza non sia solamente un concentrato di crudeltà e orrore. Sono le persone semplici, sensibili e agguerrite che ogni giorno volontariamente piangono e soffrono, ma lavorano per questi animali: producono filmati, scattano foto, raccontano l’orrore, raccolgono firme, informano la gente sui social, adottano uno stile di vita rispettoso degli altri esseri viventi. E soprattutto adottano loro: asini cavalli conigli cani gatti capre galline maiali, cui viene restituita una seconda vita di rispetto e amore.

A questi angeli il nostro GRAZIE! Perché grazie a queste persone, tante, per fortuna, le cose stanno cambiando. Resta il dolore di non aver potuto salvare chi non c’è più, ma resta una consapevolezza: il potere di noi consumatori è straordinario! NOI e solo noi possiamo fare la differenza: è sufficiente guardare, raccontare, scegliere usando la coscienza e il cuore. Mai voltarsi dall’altra parte, è troppo comodo, ed è il gesto più egoista che possiamo fare.

Grazie di cuore a tutti i volontari di tutte le associazioni che lottano ogni istante per i diritti di chi non ha voce.

Cavalli in fiera: impressioni e riflessioni

Si è conclusa ieri l’edizione 117 di Fieracavalli. Un evento che seguo da anni, da quando il mio Ringo è entrato nella mia vita. Perché sono comoda: Fieracavalli è a Verona. Perché le fiere sono un momento di incontro e di conoscenza: e io sono curiosa. Perché vedo degli animali meravigliosi: e io amo la loro bellezza. E soprattutto perché si tratta del massimo e più importante raduno di appassionati di tutti i tipi: e incontrare persone aiuta a capire quali pensieri e stili di vita esistono.
Odio a morte vedere gli animali soffrire, perché li amo alla follia e questo mio amore non è un mistero. Vedere cavalli stressati, che sbavano, con morsi in bocca, ferri che tagliano le labbra, frustini che li tormentano, mi distrugge. Il mondo dei cavalli è un mondo spietato dove girano tanti soldi, dove alcune persone cambiano cavallo con la facilità con cui io mi cambio un paio di scarpe. Per molti i cavalli sono merce, sono motociclette, che se si guastano vanno riparate ma solamente per competizione. Ho visto decine di cavali che avevano scritto, sulla coscia, ‘vendesi’: ma come si fa a vendere il proprio cavallo? Io mi farei ammazzare piuttosto. Eppure succede anche questo.
Conosco i cavalieri della domenica, quelli che montano in sella e un’ora dopo si mangiano una bistecca di cavallo. Conosco gli atleti che parlano di passione e sport ma in realtà con il loro cavallo non ci parlano mai. Non una carezza, non un bacio. Ci sono poi quei bizzarri esseri umani che non hanno mai visto u cavallo in vita loro ma che in fiera girano con cappelli e speroni, con frange e sigari in bocca, alla Clint Eastwood.
Ma in Fiercavalli ho anche conosciuto chi ama davvero questi animali: ho imparato che esistono le attività di didattica con gli asini, nel lontano 2006, e ora questa attività si è trasformata in un lavoro per me. Un lavoro in cui al primo posto ci sono il benessere dei miei animali, comunque. Ho conosciuto belle persone che fanno parte tuttora della mia vita, e cono loro mi sono confrontata su temi che mi stanno a cuore, sui diritti degli animali, per esempio.
Quest’anno in fiera l’amica Macri Puricelli ha partecipato a un convegno sui diritti degli equidi, organizzato da Horse Angels. E ha parlato di quanto sia importante la comunicazione. Un giornalista ben informato sugli animali riesce piano piano a fare sentire la sua voce e a trasmettere un messaggio importate: gli animali non sono un tema da fanatici o un tema di serie B. Parlare di animali significa parlare delle creature che con noi popolano la terra e che hanno diritti: di vivere bene, di essere rispettati.Se un giornale inizia a ospitare pezzi sugli animali significa che si raggiungeranno sempre più persone, che a loro volta racconteranno ad altri quello che hanno letto.
I bambini che girano per la fiera vedono animali bellissimi e se si insegna loro che questi animali hanno un cuore, delle esigenze, delle peculiarità, e forse quei bambini diventeranno adulti più consapevoli e rispettosi.

Insomma, dietro un giro di affari di cifre così alte che non riesco nemmeno a scriverle, si nasconde anche una piccola parte di umanità buona, non guasta. E da lì bisogna partire. Pur avendo perso la fiducia nel genere umano, una piccola parte di me crede ancora che ci sia del buono da salvare e che non si risolve niente boicottando, attaccando frontalmente, insultando. Se non credessi questo, non avrei scelto questo lavoro.

Ringrazio dunque di avere avuto l’opportunità di ammirare per 4 giorni delle meravigliose creature, così belle da far commuovere.
E ritengo che sia un mio dovere continuare a frequentare questi posti. Perché mi hanno insegnato che se non si conosce non si può raccontare, e senza il racconto non si può pensare di cambiare la testa delle persone.

Non condivido la scelta di sottoporre gli animali a stress inutili e stupidi. E sono felice di avere speso molte ore, in fiera, a parlare con fantini e allevatori, cercando di farli ragionare sull’inutilità delle fruste e del morso. Magari non ho cambiato il mondo, ma ho offerto loro un altro modo di vedere le cose, e forse ci penseranno su…

Un abbraccio virtuale a tutti i cavalli, gli asini i muli e i bardotti che ho visto in queste belle giornate.

Dedicarsi agli animali per vivere meglio

Una serie di incontri, laboratori, trekking, e anche weekend di full immersione in maneggio, con piccoli gruppi di amici di tutte le età. La sensazione che resta addosso, dopo una serie di weekend e giornate in compagnia dei miei animali in maneggio, è davvero piacevole, e gli ‘effetti collaterali’ regalano molta energia.
Trovo sempre stimolante e divertente accogliere chi viene a trovare Gemma, Barone e Ringo, per conoscere più da vicino e in modo nuovo gli asini e i cavalli.
Spesso le persone si portano dietro antiche paure, timori e una buona dose di scetticismo: cosa avranno di così speciale questi animali? Come è possibile che gli asini siano ottimi collaboratori in attività didattiche? Proprio loro, gli animali per eccellenza usati come simbolo di ignoranza e testardaggine? Ma bastano pochi istanti per mettere da parte i pregiudizi e sciogliersi in un sorriso: ecco allora il piacere di affondare la mano nel morbido pelo degli asinelli, di osservare le loro espressioni buffe e simpatiche e le loro orecchie, sempre in movimento e pronte a captare suoni e stimoli. E Ringo, tranquillo compagno di vita di Gemma e Barone, insegna come anche i cavalli amino carezze e attenzioni, e siano ottimi collaboratori durante le tranquille passeggiate che facciamo nei boschi vicini. Senza sella, senza redini, soltanto camminando fianco a fianco. A loro si aggiunge Feuer, insieme agli altri cani che vivono in maneggio o che trascorrono qualche ora coi loro padroni insieme a noi.
Le giornate diventano così occasione di scambio di racconti, esperienze, mentre in gruppo ci si dedica a pulire, accudire e conoscere gli animali, superando le proprie paure
La loro presenza è preziosa e aiuta a ritrovare quei ritmi in armonia con la natura che la frenesia quotidiana spesso ci fa dimenticare.
Una passeggiata nel bosco, una sosta alla fonte per rinfrescarsi nell’acqua gelida le mani e bere un sorso d’acqua, un picnic nel prato, mentre i nostri quadrupedi pascolano liberi: e lo stress scompare. Basta davvero poco per ritrovare un po’ di serenità: io, personalmente, non finirò mai di ringraziare tutti quegli assurdi casi della vita e quelle coincidenze che mi hanno portato a conoscere questi animali adorabili.
Augurandomi di rivedere presto in maneggio amici vecchi e nuovi, grandi e piccoli.

I cavalli selvaggi dell’Aveto: fortissime emozioni

Ecco il mio diario di viaggio per Popolis:http://www.popolis.it/parco-dellaveto-appunti-di-viaggio/

Sono passati otto giorni da quando sono tornata da un breve viaggio in Liguria alla scoperta del Parco dell’Aveto, un piccolo angolo di terra a me sconosciuta e ricchissima di bellezza, cultura, sorprese.
I cavalli selvaggi: la meravigliosa presenza di queste creature, così potenti e delicate, che vivono e (con)vivono con l’uomo, ma mantenendo la distanza che li rende indipendenti e non soggiogati. Noi che li immaginiamo animali domestici, che li vediamo sempre solo in maneggi o sulle piste di gara, rinchiusi in box, sottomessi, ahimè, all’uomo e ai suoi capricci, abbiamo potuto riscoprire l’enorme emozione di fare una curva nel bosco e ritrovarceli davanti, mentre pascolano e ci osservano da vicino, oppure da lontano, arrampicati su una collina, a godersi le ultime luci della sera indisturbati, e pronti ad andare a ripararsi tra gli alberi.
Ho scoperto una terra generosa e ricca di sapori, selvaggia come i suoi cavalli e al tempo stesso ospitale: una terra che ci racconta a modo suo la bellezza di questo Paese, pieno di problemi ma così abbondante di risorse che la speranza di una consapevolezza, da parte di tutti i suoi abitanti, fa sempre capolino. Che Italia sarebbe se fossimo in grado di valorizzarla?
E il primo passo parte da qui, per me: proteggere i cavalli, il loro habitat, per fare affermare la natura coi suoi equilibri e i suoi ritmi, e per una volta essere noi, quelli che si adattano. Una petizione chiede ora il riconoscimento dello status giuridico di questi animali e misure di intervento per proteggerne la vita all’interno del Parco, trovando forme di buona convivenza con la presenza umana un’aumentata consapevolezza del loro valore.

Su Facebook nella pagina I cavalli selvaggi dell’Aveto Wild Horse Watching si trovano tutte le info per conoscere i cavalli, aiutare nella raccolta firme, organizzare un viaggio per andarli ad ammirare.

Al di là delle Alpi: sorprese cruelty-free!

In questi due mesi mi è capitato di ritrovarmi spesso con la valigia in mano. E di viaggiare in Austria, Germania e Francia per lavoro e per diletto.

Viaggi e spostamenti in treno o in auto, che mi hanno permesso di osservare con grande attenzione usi e costumi di diverse città e regioni.

Ora che sono riuscita, finalmente, a dare una svolta alla mia alimentazione, e sto muovendo i primi passi da vegana, ho dedicato molta attenzione alle abitudini alimentari d’Oltralpe, e ho cercato di capire quanto sia complicato trovare buon cibo cruelty-free. E per certi aspetti sono rimasta davvero sorpresa.READ MORE