Tartaruga tra gli ombrelloni, la sorpresa più bella | Silvia Allegri
41259
post-template-default,single,single-post,postid-41259,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Tartaruga tra gli ombrelloni, la sorpresa più bella

Tartaruga tra gli ombrelloni, la sorpresa più bella

“Sono arrivato al mattino al lavoro e ho trovato una grande buca, il mio primo pensiero è stato: qualche ragazzino si mette a scavare nella sabbia anche di notte? Ma poi ho saputo che il guardiano aveva avvistato una tartaruga, all’alba, che risaliva nella sabbia”. È emozionato Doriano, del bagno Paglicci a Marina di Campo, isola d’Elba, quando mi racconta ciò che è accaduto nella notte del 20 giugno. Ha 47 anni ma non aveva mai vissuto un’esperienza simile e questo evento straordinario ha colto lui, e colleghi, di sorpresa. Sulla spiaggia, non lontano dalla battigia, una tartaruga Caretta Caretta ha deposto le sue uova, ed è ripartita. Sul posto sono stati chiamati gli esperti dell’Acquario dell’Elba, che si trova proprio a Marina di Campo, sul versante occidentale dell’isola, e della guardia costiera che hanno trovato anche il primo uovo deposto, in mezzo agli ombrelloni. “Abbiamo allertato la capitaneria di porto, il sindaco, e anche Legambiente si sta interessando”. Non si sa quante siano, le uova, grandi come una pallina da ping pong. Ma di sicuro sono svariate decine. Il ‘nido’ è stato transennato per tutelare la nidificazione, sarà installata a breve una telecamera che veglierà su questo quadrato di sabbia notte e giorno, e l’attività balneare è ripresa regolarmente. O quasi: “La curiosità e l’emozione sono fortissime”, confessa Doriano. “Non vediamo l’ora che le uova si schiudano, e che le piccole tartarughe vadano in mare”. L’evento ha una straordinaria valenza scientifica, e attirerà sicuramente studiosi e appassionati. Si tratta non solo della prima nidificazione accertata all’Isola d’Elba, ma anche di quella in assoluto più a nord di tutto il bacino del Mediterraneo. E conferma che il clima è cambiato, se questi animali si spostano così a nord, ma che l’ambiente è pulito e accogliente.
In spiaggia la vita continua, tra bagni in mare, buone letture sotto l’ombrellone e passeggiate. Ma sapere che esistono qui vicino queste uova emoziona: la natura ha reso possibile un altro piccolo miracolo.

Commenti