La mia battaglia contro i circhi continua

Mi ci sono voluti tre giorni per riuscire a trovare la giusta energia e riportare le parole allucinanti che ho sentito pronunciare duranta la quarta e sesta commissione congiunte, in Provincia, sul tema dei circhi.

Tutto è iniziato con una mia mozione, presentata a dicembre del 2012, con la quale chiedevo un maggiore controllo delle co ndizioni di detenzione degli animali nei circhi e un impegno da parte della provincia di verona a disincentivare gli spettacoli con uso e abuso di animali sul territorio, veronese. Una mozione insignificante, se vogliamo, ma che si faceva tramite di un messaggio più alto: un segno di impegno da parte della politica nei confronti degli animali.

La mozione, strumentalizzata a dovere da parte di aklcuni colleghi e travisata totalmente dall’assessore alla cultura Ambrosini, che non accettava, a quanto pare, che io avessi invitato la presidente della Lav di Verona a mostrare immagini di animali in condizioni pessime, stressati e maltrattati durante il recente attendamento di un circo a Verona, ha invitato il signor Buccioni, presidente dell’Ente Nazionale Circhi, e Flavio Togni. I quali (ma specialmente Buccioni) si sono profusi in lodi strepitose dei circhi e di chi ci lavora, dicendo cose come: “Il circo è lo spettacolo del popolo e il popolo lo ama”, e “Noi amiamo moltissimo gli animali, che stanno bene e nascono già nei nostri circhi”.

 

Insomma, un elefante tenuto a catena, una tigre che vive in “Ben 80 metri quadrati con piscina” stanno bene, secondo loro.

Poche considerazioni:

1. Mancanza assoluta di empatia, il sapersi calare nei panni dell’altro e vederne e sentirne il disagio;

2. Concezione medievale del divertimento: ormai solo un ignorante può divertirsi guardando certi spettacoli miseri;

3. La faccia tosta di difendere uno spettacolo che ormai il “popolo”, come lo chiamano loro, non ama più, ma che purtroppo è ancora troppo aiutato dal FUS;

4. Il coraggio di attaccare la mia mozione, che era passata seppur con pochi voti, dimostrando dunque la capacità di travisare discorsi come è nello stile dei peggiori rappresentanti politici.

A chi volesse maggiori informazioni sono ben disposta a dedicare il mio tempo.

Ho richiesto inoltre la registrazione della commissione per poterla poi far ascoltare ai coraggiosi che se la sentiranno di affrontare una valanga di discorsi da brivido.

Commenti
No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

3 − 1 =

Silvia Allegri
Silvia Allegri è giornalista, saggista e appassionata di animali. Organizza attività di approccio con gli animali, trekking someggiati e corsi di scrittura. Partecipa a seminari e conferenze. Per informazioni e contatti scrivi a silvia@silviaallegri.it
Social
Newsletter

Iscrivendosi alla newsletter l'utente accetta di ricevere comunicazioni da parte dei gestori del sito silviaallegri.it nel rispetto della normativa vigente sul trattamento dei dati personali.