Animali selvatici Archives | Silvia Allegri
5
archive,category,category-animali-selvatici,category-5,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Animali selvatici

Incontri speciali, incontri d’estate

L’estate ci raggiunge con le sue giornate lunghe, il suo caldo e la sua luce. È un momento magico questo, un momento perfetto per chiudere con le cose che ci hanno fatto male e aprirsi a nuovi incontri. Allontanare chi ci ha stressato e non merita le nostre energie, ritrovare la propria serenità e aprirsi a nuove possibilità di dialogo.

Il dialogo per me è soprattutto quello fatto di sguardi, di tatto e contatto, e non di parole. Un giorno qualcuno mi disse che parlare con gli animali è facile, tanto loro non possono rispondere e ci danno l’illusione di capirci e non giudicarci. Credo che sia interessante partire da questa stupida considerazione e accogliere questa sfida, perché evidentemente gli incontri speciali non sono pane per tutti. Gli animali si avvicinano quando sentono di potersi fidare, e in assenza di parola l’istinto li guida. Così, se anche noi diventiamo capaci di usare i nostri sensi, diventiamo protagonisti di scambi energetici straordinari.

Il lavoro mi ha portato a esplorare il mondo dei lupi, il mondo dei camosci e dei mufloni, la bellezza e la serenità della fattoria, con i suoi animali di campagna, docili e lenti, poetici e concreti insieme. Mi sono presa, e continuerò a prendermi il lusso di cogliere ogni occasione per imparare di più, da loro e dal loro ambiente, osservandoli da lontano o gustando la loro presenza da vicino, favorendo gli incontri tra loro e altri umani. Se ci si presenta puliti e aperti al dialogo le occasioni si moltiplicano. Non è un’arte che si impara questa, ma la capacità di ragionare al di là delle classificazioni di specie, al di là di ogni presunzione, cancellando dal nostro modo di porci quell’inutile, e anzi dannosa attitudine umana a considerare sempre gli altri esseri viventi in base alla funzione che possono rivestire per la nostra utilità.

In questo modo torniamo a casa con un bagaglio ricchissimo di sensazioni che non si imparano studiando, e neppure utilizzando sempre la nostra razionalità. E ogni incontro diventa una grande opportunità per rivedere i nostri parametri, e per imparare l’arte stupenda di lasciarsi andare.

Chi sono i soci di teamvegan? Intervista a Sara

Cari amici di teamvegan, eccoci qui, a parlare di noi soci in questa nuova avventura!

Siamo partiti in tre, adesso piano piano si aggiungono nuovi sportivi veg al nostro team.

Ecco allora una nuova proposta: quattro chiacchiere con i soci, per capire meglio le loro motivazioni. Qui di seguito scopriremo qualcosa di più su Sara Pancot, triatleta italiana che vive a Vienna da molti anni. Buona lettura!

Sara, raccontaci la tua passione per lo sport. Quale disciplina in particolare ti piace di più?

Pratico sport fin da quando ero bambina. Ho iniziato con il nuoto per poi passare all’atletica leggera e allo sci.

Ho sempre fatto corse e piccole gare podistiche (staffette e mezze maratone).

Due anni fa sono passata al triathlon aggiungendo come disciplina il ciclismo. Quest’anno proverò per la prima volta la mezza distanza (nuoto: 1900 mt; ciclismo 90 Km; corsa 21 km)

Cosa ti ha spinto a diventare vegana?

Ero vegetariana da tre decenni quando un giorno mi è stata rubata e mangiata la mia gallina. Era il mio animale domestico, come per altri può esserlo il cane o il gatto. Ero furibonda e addolorata. Quasi per scherzo e per protesta ho detto che sarei diventata vegana. Ho iniziato ad informarmi e mi sono sorpresa di non esserlo diventata prima!

Come e dove hai imparato ad alimentarti in modo corretto?

Ho sempre fatto molta attenzione all’alimentazione. Il nostro cibo è il carburante del nostro corpo-motore. Non è difficile informarsi dopotutto. Ci sono così tanti libri e Internet è pieno di informazioni utili

Raccontaci un aneddoto sulla tua vita di sportiva vegana: un momento emozionante, un’avventura piacevole, un incontro speciale…

Dopo una gara podistica mi avvicino al buffet di un tendone e guardo cosa posso mangiare. Il signore che serve mi dice “hai gareggiato? Sei stanca? Prendi questo!” offrendomi una salsiccia, io gli rispondo “no grazie, molto gentile ma sono vegana, non mangio carne” e lui dice “ah capisco, allora prendi questo”, e mi tende con la mano un pezzo di petto di pollo fritto!

La tua ricetta segreta per ricaricarti dopo una fatica sportiva

Quando l’allenamento diventa duro elimino lo zucchero dalla mia dieta. Seguo i consigli di Brendan Brazier e della sua dieta thrive diet che accelera le capacità di ripresa del nostro organismo dopo uno sforzo fisico. Barrette di frutta secca e semi di sesamo, facili da fare e da trasportare. Oppure fette di polenta abbrustolite con semi di lino e olio d’oliva.

Perché diventare soci di teamvegan.it? Dicci almeno tre buone ragioni.

Perché è un modo efficace e semplice di dimostrare sulla propria persona che un’alimentazione di origine vegetale porta a risultati sorprendenti.

Per conoscere altre persone che la pensano allo stesso modo e scambiarsi informazioni utili.

Perché è stimolate e divertente. Si può dire “basta” anche con meno rabbia.

 

Vi aspettiamo!

 

Vegana per gli animali, vegani per la nostra salute: intervista a Michela Depetris

Per gli animali, per la salute propria, per quella dei suoi pazienti. Ha giocato a pallavolo ad altissimi livelli, ha scritto numerosi libri, passeggia due ore al giorno con Diamond, il suo bellissimo cane che la accompagna anche durante convegni e conferenze. Ma soprattutto, la dottoressa Michela Depetris, medico nutrizionista, si prende cura di persone di tutte le età, desiderose di nutrirsi in modo sano per preservare la propria salute o per ritrovarla, durante o dopo una malattia. Il suo curriculum è davvero vastissimo: per citare solo alcuni dei suoi ambiti di lavoro ricordiamo che è dietologa presso il Centro di Medicina Integrata Artemedica di Milano; esperta in alimentazione vegetariana, vegana, crudista, macrobiotica e nella terapia nutrizionale del paziente oncologico; membro del Comitato Medico Scientifico dell’Associazione Vegani Italiani (ASSOVEGAN) e dell’Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale (ICEA); membro della RETE Nu.V.E.P. (professionisti per la nutrizione a base vegetale in età pediatrica – RETE FAMIGLIA VEG) della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana SSNV.

Chi varca la soglia del suo ambulatorio va incontro a un cambiamento radicale: “Spesso i miei pazienti entrano in studio onnivori, ma escono vegani!”, ci racconta. Perché avviene questo? Perché sfatando dei falsi miti e offrendo una miriade di suggerimenti, supportati da una grande competenza scientifica, Michela Depetris aiuta ad aprire gli occhi. E lo fa soprattutto grazie alla sua convinzione più forte: “Per me il rispetto degli animali, sotto tutti i punti di vista, è imprescindibile”.

Dottoressa, gli sportivi possono seguire senza problemi un’alimentazione vegana?

“Chi sceglie di fare sport e cambiare alimentazione, passando a uno stile vegetariano o vegano, ha molti più vantaggi rispetto a un onnivoro. Le performances sono migliori, i tempi di recupero più brevi e le prestazioni più redditizie: è una questione di biochimica. Inoltre si riduce la produzione di acido lattico che viene tamponato più velocemente grazie all’ambiente alcalino che creiamo nel copro con un’alimentazione a base vegetale”.

Cosa ci suggerisce come colazione o come spuntino, per affrontare la giornata e le fatiche degli allenamenti?

“La colazione deve essere completa e bilanciata: tanto per cominciare bisogna bere per integrare i liquidi persi durante la notte e prevenire la disidratazione: caffè d’orzo, latte vegetale, spremuta, tè verde, succhi di frutta. E poi serve qualcosa di solido per avere un apporto di carboidrati: pane nero, fette biscottate, gallette, biscotti secchi, cereali in chicco o soffiati. Chi ama il salato anche a colazione può mangiare dei fiocchi di cereali con tahin, pasta di olive, patè di tofu. Servono poi gli zuccheri: ecco allora un frutto fresco, o frutta disidratata, marmellata, creme spalmabili di nocciola, mandorle. E poi anacardi, pinoli, pistacchi, olio eztra vergine di oliva: grassi di buona qualità che rallentano l’assorbimento degli zuccheri e danno un senso di sazietà”.

Insomma, ci sono mille modi per nutrirsi senza ricorrere a prodotti derivati da animali.

“A volte alcuni pazienti esordiscono dichiarando che non vogliono nemmeno sentir parlare di ‘vegano’. Io non mi scompongo, ma li accolgo con un vero e proprio banchetto in studio: mostro i prodotti, li incuriosisco, e quando arriva il momento di strutturare la dieta tutto è cambiato: c’è il desiderio di sperimentare questo nuovo stile di vita, e i vantaggi non tardano ad arrivare”.

Come è cambiata la sua vita da quando è diventata vegana?

“Da quando sono vegana, ossia da circa 15 anni, sono più lucida, attiva, energica. Potessi tornare indietro lo farei prima, non mi metterei mai e poi mai a mangiare cibi di origine animale: credo in questa alimentazione per un approccio salutistico ma soprattutto etico. Lo faccio per gli animali. Ci tengo a ricordare che ci sono atleti di alto livello che diventano vegani per rendere di più durante la competizione. Per me, invece, il rispetto degli altri esseri viventi è lo stimolo più forte”.

Grazie alla dottoressa Depetris: siamo felici che abbia accolto con entusiasmo il nostro progetto.

Ricostruire, si scommette sulla solidarietà

Ripartire, ricostruire, tornare a sperare. Sono queste le parole d’ordine che mi accompagnano ogni giorno da quando sono ritornata dal mio viaggio in Abruzzo lo scorso dicembre. Voglio che a ripartire siano i miei nuovi amici abruzzesi, che non si devono più sentire lasciati soli. Ma voglio ripartire anch’io per tornare a fare visita a loro e a tutti quei dolcissimi animali salvati da un destino atroce.

Ricostruire: bisogna ricostruire le case, le aziende, le strade, gli spazi condivisi, la rete di amicizie spazzata via dal terremoto che ha distrutto tutto. Ricostruire la fiducia nelle persone, ricostruire quella base di relazioni indispensabile per uscire dalla solitudine che deprime e incupisce.

Tornare a sperare che le cose possano migliorare. Tornare a sperare che le istituzioni smettano di essere latitanti e che la vita possa cominciare un’altra volta.

Il viaggio che ho fatto sta portando i primi importantissimi frutti. Il mio grazie va nuovamente a Italpet: Alberto Perina, insieme con Silvia Mazzurana, ha colto la proposta di offrire un sostegno economico a questa nostra piccola grande scommessa. Grazie a loro abbiamo potuto sostenere le spese di viaggio, noleggiare un furgone, portare ai nostri contatti abruzzesi un aiuto concreto, tra crocchette, medicinali, cucce, coperte, raccolti a Verona nei punti vendita del negozio, grazie al contributo generoso di tante persone che si fidano e che hanno voluto lasciare un segno, fare un semplice gesto generoso.

Non è da tutti credere in tre cittadini privati che di questi tempi chiedono un sostegno economico per un viaggio verso luoghi distanti 500 km da noi, ma in realtà distanti anni luce dal nostro modo di vivere e gestire certe emergenze.

Sono passati ormai 25 giorni dal mio ritorno, ma gli odori, gli sguardi, i silenzi che ho intercettato sono sempre con me.

La sera, mentre sono a casa al caldo e scrivo con i miei animali vicino a me, ripenso a quei giri notturni tra frazioni dimenticate dal mondo, in mezzo al fango e alla neve, a soccorrere animali colpevoli soltanto di essere stati abbandonati, ospiti sgraditi e spesso maltrattati. Ripenso ai ragazzi che mi hanno permesso di conoscere questi luoghi, con i quali ho condiviso tante lacrime e tanti sorrisi. Perché oggi tanti di quei cani abbandonati al loro destino, grazie alla solidarietà e alla rete di aiuti che siamo riusciti a creare, hanno una cuccia e delle braccia pronte a coccolarli. Le loro storie saranno raccontate una a una, perché sono imperdibili.

Chi ha creduto in noi ha fatto una scommessa che ritengo vincente: aiutare gli altri perché la solidarietà è un dovere morale.

Oggi, grazie a quel viaggio, sta per nascere un’associazione che si occuperà degli animali. Si torna a regalare speranza e lo si fa con maggiore consapevolezza e struttura. Sono felice di aiutare i miei amici in questo percorso. Da qui, da Verona, siamo presenti in Abruzzo con proposte concrete, con il nostro affetto, con la voglia di condividere le nostre competenze.

Si riparte.

Randagismo in Abruzzo: qualcosa è cambiato?

Abruzzo: i luoghi del terremoto, il randagismo, la ricostruzione che va a rilento, mentre l’inverno è arrivato. A distanza di 11 mesi dal nostro primo viaggio nelle zone terremotate, nel gennaio 2017, abbiamo deciso di fare ritorno in quel luoghi. Siamo un gruppo piccolo e eterogeneo di persone con tanta buona volontà: una giornalista, un architetto, la presidente di una associazione di tutela degli animali. Siamo affiatati: Piero mazza e Emanuela Giarraputo si sono trasformati in questi mesi in due cari amici, che condividono la mia voglia di fare, e di capire a fondo le cose. A spingerci in quei luoghi erano state le immagini drammatiche del terremoto e della nevicata che hanno messo in ginocchio persone e animali. Nella vastità dell’emergenza abbiamo deciso di occuparci in particolare del problema del randagismo. Abbiamo creato dei contatti con alcuni volontari che abitano a L’Aquila, insieme a loro siamo andati nelle diverse frazioni e nei paesi per documentare la vita di sofferenze degli animali abbandonati. Un problema che affligge molte zone dell’Italia e che è stato drammaticamente accentuato dal terremoto. Abbiamo portato molti aiuti (alimenti, crocchette, cibo per cuccioli, medicinali).

Adesso ci prepariamo a ritornare, quindi, per documentare gli eventuali cambiamenti a distanza di 11 mesi, anche se le notizie che arrivano da lì non sono certo incoraggianti, e per focalizzare bene le esigenze di chi vive in queste zone e con buona volontà e sempre a titolo gratuito dedica il suo tempo ad aiutare gli animali senza famiglia. Avremo il supporto di Italpet, un’azienda che ci aiuta nella raccolta di nuovo materiale e cibo per aiutare i volontari a sfamare e curare gli animali. Questo aiuto ci incoraggia e ci lusinga: abbiamo avuto la loro fiducia e ce la vogliamo meritare facendo qualcosa di concreto. Con l’occasione vogliamo anche metterci in contatto con le associazioni che operano sul territorio e capire come possiamo eventualmente renderci utili.

Lo sguardo disperato dei cani, gatti, cavalli sepolti nella neve, in gennaio, non mi ha mai abbandonato e so che sarà difficile andare di nuovo, con la certezza che non potremo cambiare la situazione, non nell’immediato, di sicuro. Ma le tante persone che mi stanno sostenendo ci invogliano a credere che qualcosa possa migliorare. Io voglio crederci.

Morte e terrore: se la caccia è sport

Caccia, ossia accecare un uccellino che farà da richiamo vivo con un mozzicone di sigaretta: questo si può chiamare sport? Abusare del corpo di un piccolo animale indifeso, umiliandolo prima da vivo e poi da morto, è sport? Godere di fronte alla carcassa di un animale morto, che nel morire ha rilasciato una scarica di adrenalina e di terrore e la cui carne è quindi velenosa, è uno sport? Può essere uno ‘sport’ seminare la disperazione nel tempio della natura, violentando la pace che si trova tra i boschi, i prati, le foreste, i fiumi, con quegli spari che spaventano e diventano un suono lugubre dove ci dovrebbe essere vita? La caccia è il mezzo con cui si toglie la vita a un essere vivente. Come si possono ancora sentire frasi del tipo “amo la caccia perché è uno sport utile a controllare la fauna selvatica, perché ti fa stare nella natura”? Amare la natura significa amare la VITA. E invece noi proteggiamo chi semina la morte, e se un animale esce dal nostro controllo lo rimettiamo subito al suo posto, senza se e senza ma.

Ti dicono che cacciare è una cosa giusta, che i nostri antenati cacciavano. ma se non sbaglio ora la caccia viene considerata uno sport. Qualcosa no torna, allora. Ho sofferto e soffro terribilmente, senza abituarmi mai a questo dolore, nello scoprire ogni anno, all’arrivo di ogni autunno, che esiste gente che vive per sparare, che organizza giornate insieme a poveri cani sempre rinchiusi, che non sono nemmeno considerati animali da compagnia, che non ricevono mai una carezza, e che vengono liberati solo per inseguire altre vittime della prepotenza umana, per poi essere picchiati o abbandonati, se non cacciano abbastanza bene.

Se si fa un sondaggio tra gli italiani, più della metà vorrebbe abolire la caccia. Ma nella realtà questa pratica, un tempo utilizzata dagli uomini primitivi per procacciarsi cibo necessario alla sopravvivenza, e parliamo di milioni di anni fa, è ben protetta dai governi, che evidentemente vedono un ottimo tornaconto nel sostenere la caccia: una lobby tra le più forti, quella dei cacciatori, per non parlare dell’indotto derivante dal commercio e vendita e produzione di armi, della quale siamo degli autentici boss nel mondo.

Cosa possiamo fare noi, singoli, piccole pedine di un paese dove a vincere è sempre il potere del denaro? Forse il dovere di ognuno di noi è quello di prendersi carico di un messaggio culturale da trasmettere. Intanto si può tentare di appoggiare le associazioni che chiedono nuove leggi, per abolire la caccia, attraverso petizioni popolari. Ognuno di noi conosce cacciatori. Parlare, dimostrare la bellezza di uno sport sano, che non semina morte, far ragionare sul non senso di una lotta ad armi impari. Utopia? Io vivo di utopie, per non finire nella disperazione. Altrimenti  cambierei mestiere. Ma credo che in questo mondo di violenza, dove ancora esiste gente che si mette a tavola per mangiare decine di carcasse di uccellini di pochi grammi allo spiedo, chi ha un cuore e una coscienza li debba usare.

 

Ciak si gira: backstage e video a quattro zampe, anzi gambe!

Ciak, si gira! Un set a quattro zampe, anzi gambe.. perché i protagonisti indiscussi di questi video che vedete sono stati Gemma, Ringo e Barone. E poi Feuer, e le amiche e gli amici che hanno accettato questa bella avventura. Non avrei mai pensato, anni fa, di ritrovarmi in mezzo ai miei animali, con le persone più care, e raccontare davanti a una videocamera storie, aneddoti, emozioni che riguardano me, i miei animali e la nostra attività insieme. Perché un tempo la timidezza, la paura di non essere all’altezza prendevano il sopravvento. Ma poi negli anni a vincere sono stati altri sentimenti: primo fra tutti il desiderio di trasmettere agli altri le sensazioni bellissime che provo io, quando mi ritrovo con questi splendidi colleghi animali, e vivo insieme a loro i vantaggi del tempo speso nella natura, nel silenzio.

Un po’ di ansia, quella sensazione divertente di sentirsi un po’ impacciati, le papere, e ricominciare a registrare, e fermarsi perché ti viene da ridere, o magari anche da piangere per l’emozione.

E poi i nostri attori, difficilissimi da riprendere, perché noi li lasciamo in libertà, e dunque bisognava seguirli, inseguirli, adeguare il nostro passo al loro. E se Ringo galoppa, bella impresa stargli dietro!

A riprenderci Giuseppe Marinelli, splendido, perché ha saputo metterci a nostro agio, con pazienza. Non è semplice raccontare certe emozioni, ma lui attraverso i video che abbiamo creato è riuscito a fare un po’ di ordine in quella fiumana di parole, azioni, gesti.

Ho pensato di girare questi video per avere un supporto ulteriore al mio lavoro: quando racconto la bellezza di una giornata on gli animali, gli effetti benefici sulla salute e sull’umore, i momenti divertenti in cui, all’improvviso, si creano dei contatti così profondi tra umani e animali che si vedono nuove espressioni sui volti delle persone: amiche che chiacchierano con la mia asina, che raccontano i fatti loro al mio cavallo, che passeggiando con loro nel bosco si ricordano di momenti passati nella natura e li condividono. Persone che arrivano stressate, stanche, svilite, e dopo alcune ore con gli animali tornano a casa sbadigliando per il relax, con un sorriso così bello da essere impagabile.

Mancano, in questi video, quelle sensazioni che solo il contatto può dare: la morbidezza del pelo e l’odore intenso degli asini e dei cavalli, i profumi del bosco bagnato dalla pioggia, l’odore delle verdure nell’orto, la terra sotto le unghie, mentre si raccolgono i frutti e le erbe aromatiche.

Ma le immagini e le voci, intanto, raccontano questo benessere. Grazie, allora, a chi ha reso possibile tutto questo: il professionista che ci ha guidati, gli amici che hanno partecipato e soprattutto loro, i miei angeli a quattro zampe e quattro gambe.

I video sono caricati nel canale YouTube: Silvia Allegri.

Buona visione!

 

Abruzzo, la rabbia e l’indignazione, ricordando il nostro viaggio

Di quelle terre distrutte è cambiato solo il clima: ora fa caldo, io le ho viste sotto la neve, con temperature che sfioravano, di notte, meno 15 gradi. Quando riguardo le foto scattate in quei giorni, a fine gennaio, ho i brividi e le lacrime agli occhi. Mi sono rimasti addosso quella sensazione terribile di smarrimento, i momenti di paura, mentre attraversavamo l’Italia diretti verso quei luoghi devastati dal terremoto.

Abruzzo, 24 agosto 2016: la prima di una lunga serie di scosse fa tremare la terra, e si porta via le case, le chiese, le strade, i sogni, la bellezza, e troppe vite. A distanza di 4 mesi, un inverno gelido si abbatte su quei paesi, e la neve, insieme a nuove scosse, seppellisce tutto.

Tutto era partito da un post su Facebook, che avevo scritto dopo una notte insonne, con le immagini impresse negli occhi di volontari disperati che cercavano di liberare dal ghiaccio cani, gatti, asini, mucche, cavalli congelati e terrorizzati. E poi un appello sul giornale, e poi un piccolo miracolo: una risposta incredibile di amici e persone sconosciute, pronte a darci aiuto. L’intento era quello di portare un piccolo rinforzo agli ultimi degli ultimi, centinaia di animali sepolti da metri di neve nei canili e per le strade, soccorsi in qualche modo da umani stupendi e dal cuore d’oro, ma con poche possibilità economiche, flagellati com’erano da quella desolazione, spesso senza casa, con lutti in famiglia e amici portati via dal terremoto, ma nonostante tutto instancabili nel prestare soccorso a tutte le vite in pericolo.

Siamo partiti da Verona, eravamo in 5, letteralmente sommersi di medicine, coperte, cibo, trasportino. Siamo tornati su con alcuni cani salvati da morte certa, e molti di loro nel frattempo hanno ricominciato una vita nuova.

Indimenticabile il momento in cui siamo ripartiti, carichi di trasportini carichi di cani. Le lacrime di gioia di quei ragazzi, che ci hanno salutato affidandoci quelle bestiole. Pronti ad aiutarne altri.

Sono passati 8 mesi dal mio viaggio a L’Aquila e Amatrice, e le foto che vedo sui giornali mi fanno rabbrividire. Cosa è cambiato?

Noi, nel nostro piccolo, abbiamo fatto i messaggeri, portando in quelle terre un piccolo, ma importante aiuto ai volontari e agli animali. Ci hanno aiutato perché non avevamo un colore politico, ma solo il desiderio di renderci utili. Abbiamo aiutato le persone che avevano problemi economici a curare cani e gatti, abbiamo portato soprattutto il nostro abbraccio e la garanzia di non dimenticarci di loro, una volta tornati qui, e continuare a restare in contatto, per salvare altre vite, per aiutare con i nostri mezzi. E la promessa è stata mantenuta. Quei volontari, quelle persone generose, sono adesso parte di noi. La distanza non conta.

La gente è generosa, la solidarietà esiste, ma i burocrati spezzano ogni sogno. Dove sono quei soldi donati dagli italiani in quei giorni drammatici? Tutto è fermo.

Possibile che a gennaio 2017 io abbia visto coi miei occhi i libri, i quaderni di appunti, le tazze, i vestiti tra le macerie della casa dello Studente a L’Aquila, crollata 8 anni fa?

Queste immagini ci dovrebbero sempre accompagnare, per ricordarci che la politica è una cosa nostra, non dei politici. Che siamo tutti responsabili, e lo possiamo essere nel momento in cui andiamo a votare. Che la gente eletta, oltre ad avere la garanzia di stipendi che noi tutti, comuni mortali, neanche possiamo immaginare, ha il dovere di impegnarsi, di garantire ai cittadini i diritti che spettano. Senza indignazione, senza alzare la voce, tutto resterà così.

Tornerò presto in Abruzzo. Per vedere coi miei occhi cosa è cambiato. Ricordo la paura, in una frazione di Amatrice, totalmente dimenticata, non esistevano nemmeno le transenne e si camminava tra palazzi in bilico, sventrati, vedevamo i tavoli, gli armadi, i lampadari di quelle stanze vuote. Abbiamo visto animali abbandonati al loro destino, morti di freddo, persone disperate. Non posso rassegnarmi all’idea che non sia cambiato nulla. Che l’unica cosa diversa, da allora, sia la neve che ormai si è sciolta.

 

 

Belli, forti, affascinanti, ma li vogliamo sempre morti

Una mamma difende i suoi cuccioli, che sia una gatta o una mucca, una lupa o un’umana. Li difende con i mezzi che la natura le ha dato a disposizione.
Ma gli umani non ci stanno. Gli umani che storpiano la natura, facendo amare ai bambini Peppa Pig ma facendo intanto mangiare il prosciutto di una peppa pig qualunque, torturata in un allevamento, facendo guardare i cartoni animati di Winnie the Pooh e di Yoghi ma insinuando in quelle anime innocenti il terrore verso l’orso cattivo, si rifiutano di accettare ciò che dovrebbe essere normale, lecito e bello: un animale vive in un luogo che è il suo habitat, difende quel luogo e si rifugia nella natura, in quella natura dove è nato e dove è giusto che resti.

Cosa si fa se un lupo torna in montagna, se un orso vive in un bosco? Si mostrano i graffi e le ferite ricevute dagli umani che si sono imbattuti nella belva, si mostrano gli erbivori sventrati dal lupo. Quegli stessi erbivori che tornano poi nelle stalle buie a vivere sommersi di escrementi fino al giorno in cui moriranno in un macello.
Gli animali selvatici tornano a ripopolare le montagne e i boschi ma turbano le famiglie a spasso con cestini per raccogliere i funghi, e allora cosa fare? Si prendono in mano i fucili, ci si accanisce in decine e decine contro uno, e giustizia è fatta.

La belva non può osare: non può turbare un pianeta che l’uomo crede fatto su misura per le proprie esigenze. Anche il bosco deve restare un bosco magico e tranquillo, guai a trovare un animale che ci mette in pericolo.
Facciamo bruciare milioni di ettari di foresta ogni anno per coltivare granaglie da dare agli animali prigionieri degli allevamenti, ma ci rifiutiamo di pensare che in quei tre giorni di ferie all’anno dove ci sembra di riscoprire che esiste una natura bella, vera, incontaminata, qualche belva feroce possa rovinarci la vacanza.

Siamo una società egoista, fatta di gente impreparata a gestire la natura e i suoi abitanti. Non accettiamo che gli animali abbiano voglia di vivere, esattamente come ogni essere vivente. Vogliamo una natura succube, dove gli animali vivono dove decidiamo noi, non importa se dietro le sbarre di uno zoo o in una gabbia di vetro, o in un capannone senza luce, dove noi siamo liberi di guardarli e ucciderli dopo averli disarmati.
Vogliamo una natura succube alla nostra meschina esistenza: non siamo capaci di difenderci, non accettiamo le leggi della natura, il modo migliore allora è sparare, uccidere, imprigionare, torturare, e poi inventare mille giustificazioni per riappropriarci di un mondo che abbiamo storpiato e distrutto.
Non serve dire che mi vergogno di essere umana.

Tartaruga tra gli ombrelloni, la sorpresa più bella

“Sono arrivato al mattino al lavoro e ho trovato una grande buca, il mio primo pensiero è stato: qualche ragazzino si mette a scavare nella sabbia anche di notte? Ma poi ho saputo che il guardiano aveva avvistato una tartaruga, all’alba, che risaliva nella sabbia”. È emozionato Doriano, del bagno Paglicci a Marina di Campo, isola d’Elba, quando mi racconta ciò che è accaduto nella notte del 20 giugno. Ha 47 anni ma non aveva mai vissuto un’esperienza simile e questo evento straordinario ha colto lui, e colleghi, di sorpresa. Sulla spiaggia, non lontano dalla battigia, una tartaruga Caretta Caretta ha deposto le sue uova, ed è ripartita. Sul posto sono stati chiamati gli esperti dell’Acquario dell’Elba, che si trova proprio a Marina di Campo, sul versante occidentale dell’isola, e della guardia costiera che hanno trovato anche il primo uovo deposto, in mezzo agli ombrelloni. “Abbiamo allertato la capitaneria di porto, il sindaco, e anche Legambiente si sta interessando”. Non si sa quante siano, le uova, grandi come una pallina da ping pong. Ma di sicuro sono svariate decine. Il ‘nido’ è stato transennato per tutelare la nidificazione, sarà installata a breve una telecamera che veglierà su questo quadrato di sabbia notte e giorno, e l’attività balneare è ripresa regolarmente. O quasi: “La curiosità e l’emozione sono fortissime”, confessa Doriano. “Non vediamo l’ora che le uova si schiudano, e che le piccole tartarughe vadano in mare”. L’evento ha una straordinaria valenza scientifica, e attirerà sicuramente studiosi e appassionati. Si tratta non solo della prima nidificazione accertata all’Isola d’Elba, ma anche di quella in assoluto più a nord di tutto il bacino del Mediterraneo. E conferma che il clima è cambiato, se questi animali si spostano così a nord, ma che l’ambiente è pulito e accogliente.
In spiaggia la vita continua, tra bagni in mare, buone letture sotto l’ombrellone e passeggiate. Ma sapere che esistono qui vicino queste uova emoziona: la natura ha reso possibile un altro piccolo miracolo.