A Bologna serata con Sara Turetta, presidente di Save The Dogs | Silvia Allegri
450
post-template-default,single,single-post,postid-450,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

A Bologna serata con Sara Turetta, presidente di Save The Dogs

A Bologna serata con Sara Turetta, presidente di Save The Dogs

Intervistata da Macri Puricelli, e con la presenza di Andrea Zanoni, questa sera Sara Turetta, angelo degli animali abbandonati, parla della situazione drammatica dei cani in Romania. Non solo cani, in realtà. Perché la piaga dell’abbandono, in uno dei paesi più poveri d’Europa, riguarda anche gli asini e i cavalli, animali comunemente usati per lavorare, e sfruttati spietatamente per poi essere lasciati a morire per strada.

La salvaguardia degli animali deve rimanere un impegno e un dovere da parte dei governi di tutti i paesi civili. E la protezione degli animali resta un indice indiscusso di civiltà di un paese.

Sara Turetta ha spiegato come si è arrivati alla drammatica situazione della Romania. E come l’Europa potrà intervenire. Attualmente mancano fondi europei. La Romania ha usato soldi per la prevenzione della rabbia, in maniera scandalosa e all’interno di una gestione quantomeno discutibile.

Manca attualmente una Direttiva Europea che tuteli gli animali da compagnia e imponga linee guida per la gestione del randagismo, soprattutto quello endemico.

 

Commenti